Strozzapreti con guanciale pomodorini e parmigiano

Strozzapreti con guanciale, pomodorini e parmigiano

Eccomi dopo due giorni di intensa cucina, preparando una cena per 600 persone non sono riuscita a postarvi nulla, mi rifarò questa sera spero, con una ricetta super facile ma così gustosa che non potrete più farne a meno.

Ho voluto farmi una coccola, cucinare senza troppi fronzoli, senza pensare alla dieta, ma solo al gusto e al piacere di mangiare bene e neanche poco! Quando lavorando cucino così tanto non ho mai molta voglia di farmi da mangiare, magari ordino una pizza o stuzzico qualche cosa, ma stasera no! In casa avevo già del guanciale Umbro, ho raccolto le ultime energie, sono andata all’ Esselunga ed ho comperato:

Strozzapreti freschi

Pomodorini Oblunghi rossi (vanno bene anche i ciliegini in alternativa)

Basilico fresco

Parmigiano reggiano

ed anche una bottiglia di Vipra Rossa, sempre per rimanere in Umbria, la cena necessitava assolutamente di un paio di avvolgenti bicchieri di vino rosso.

Gli altri ingredienti che servono sono:

un bicchiere di vino bianco

olio EVO

sale e pepe

Mettete a bollire un litro di acqua salata.

La pasta io la cuocio quasi sempre come il risotto, quindi ho tagliato a striscioline larghe il guanciale, una bella fetta, l’ho messo in una padella ed ho iniziato a farlo rosolare, quando sarà un pò colorito sfumatelo con del vino bianco, nel frattempo ho tagliato i pomodorini (6) li ho aggiunti al guanciale, dopo un paio di minuti aggiungete la pasta cruda e 4 mestolini d’acqua calda (la regola è il doppio del peso della pasta).

strozzapreti con guanciale, pomodorini e parmigiano

Quando l’acqua si sarà assorbita e la pasta risulterà cremosa sarà pronta, a questo punto ho aggiunto un pochino d’olio extravergine ed il parmigiano,l’ho mantecato bene, aggiunto il basilico (a fuoco spento) ed una generosa dose di pepe (che adoro), va benissimo anche del peperoncino.

Come vi ho detto è pura goduria, cremosa, saporita, buona! Secondo me una pasta che incita a quella che verrebbe etichettata come maleducazione, scarpetta, e pentola pulita! Ma ogni tanto , soprattutto se siamo soli, ci stà!

Per dirvi tutta la verità, non mi sono fermata qui….nel frigorifero c’erano dei meravigliosi spiedini di involtini di carne arrivati da Messina, freschi freschi, e non ho potuto resistere!